Sara Da Col

“Ho iniziato a praticare lotta da quando ho sei anni perché ho seguito l’esempio di mio fratello maggiore e in più la palestra di Rovereto, mia città natale, è molto famosa a livello giovanile. Questa disciplina, inizialmente, è più un gioco e soltanto con il tempo vengono inseriti gli elementi della lotta. 
Nel 2013 mi sono trasferita a Torino per iniziare il mio percorso universitario in Infermieristica e devo solo più sostenere l’Esame di Stato.
Sono atleta Agon dal 2013. Senza questa borsa di studio sarebbe stato impossibile continuare a praticare lotta ad alto livello: questo è il valore aggiunto della proposta del CUS Torino, unica in Italia. Gli atleti sono tutelati in tutto e per tutto e si sentono parte di una grande famiglia.
In ambito sportivo posso ritenermi soddisfatta per i risultati raggiunti: 5 titoli agli Assoluti Italiani (massima categoria) 2011, 2014, 2015, 2016, 2017; quinto posto ai Mondiali Juniores, quinto posto agli Europei Cadetti, terzo posto agli Europei Senior, terzo posto ai Giochi del Mediterraneo a Tarragona.
L’obiettivo è concludere al meglio questo quadriennio olimpico che terminerà nel 2020.
L’unico rammarico? A 26 anni, nonostante tutti i miei sforzi per evitarlo, mi è venuto l’orecchio da lottatore conosciuto anche come l’orecchio a cavolfiore. Alla fine si tratta di un “prezzo da pagare” minimo in confronto a tutte le soddisfazioni che questo sport riesce a regalare. Posso ritenermi fortunata!

Recommended Posts